Remorino Ibry Giulia - CULTURLANDIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Autori
GIULIA REMORINO IBRY
BIOGRAFIA


Giulia Remorino Ibry è nata a Lecco ed ha sempre risieduto a Milano, nonostante le numerose trasferte all’estero per motivi di famiglia e di studio.
Di padre piemontese-argentino e di madre russa-israeliana, ha sempre apprezzato l’apertura umana e mentale che la sua origine mista le ha permesso.
Ha compiuto la propria formazione verso la psicoterapia seguendo corsi e training in Inghilterra, Svizzera, Francia e Stati Uniti.
Da sempre appassionata di letteratura ha avuto da ragazza riconoscimenti e menzioni che hanno portato alla pubblicazione di poesie giovanili ed in seguito di alcuni racconti.
Dopo esperienze professionali nella clinica, nella didattica ed in tribunale per la tutela psicologica dei minori, oggi Giulia Remorino Ibry lavora nel proprio studio di psicoterapia a Milano. La sua clientela è internazionale in quanto lei stessa è trilingue.
Attualmente la Remorino Ibry sta preparando una breve opera divulgativa sulla Psicoterapia, per fornire sia al pubblico che agli studenti o ai giovani professionisti uno spunto critico potenzialmente costruttivo, riflettendo sulla psico-analisi oggi attraverso la lente d’ingrandimento delle esperienze accumulate nel corso della propria vita professionale.
Fra gli altri impegni Giulia Remorino è Presidente dell’ Associazione da lei fondata Human in Progress, che combatte a favore dei più deboli contro qualsiasi forma di discriminazione.


FOTOGRAMMA STORIA DI OSVALDO




“Fotogrammi” nasce dal progetto letterario di una psicoterapeuta che da sempre considera l’arte, la letteratura come il maggior specchio dell’animo umano. Senza parola e segno a cui affidare i messaggi e le emozioni più segrete, non vi sarebbe la possibilità di vederci l’uno nell’altro, di capirci aiutandoci così a trovare un senso nelle nostre intricate e caotiche esistenze.

Giulia Remorino Ibry nel proprio approccio analitico privilegia il rapporto fra l’immagine interiore e lo stato d’animo del paziente. Studiando la connessione fra lo scenario dell’esistere quotidiano e il riflesso che questo assume nella mente dei protagonisti, la Remorino ha deciso di creare una breve storia, vicenda di umana esistenza, di relazioni – affetti – gioie – dolori – sogni attraverso un giovanissimo personaggio che “registra” immagini – emozioni.
Non a caso la prosa, essenziale, risulta descrittiva ed evocativa, e fra le pagine spuntano visuali, segni grafici a colori o in bianco e nero, in base alle sensazioni evocate dal racconto.

La narrazione - su filo del sentire – ci mostra come la nostra mente viva di fotogrammi, carichi di potere evocativo ed intensi quanto può esserlo il ricco mondo interiore di ogni creatura.




Consulta i nostri siti:










Torna ai contenuti | Torna al menu